Si fa presto a dire “emergenza sicurezza”

A Roma si susseguono le violenze sessuali contro le donne e si torna a parlare di “emergenza sicurezza”. Il PD accusa Alemanno di aver reso più insicura la città, dopo aver subito lo stesso trattamento nella primavera scorsa quando il centrodestra, con un battage mediatico senza precedenti, imputò a Veltroni tutte le colpe di una situazione definita “drammatica” sul fronte della sicurezza. Strategia qualunquista perciò vincente.

Qualunquismo politico era quello di centrodestra, qualunquismo politico è quello del partito democratico. La percezione di insicurezza degli italiani, come rivela un’indagine di Repubbblica dell’anno scorso, è legata a timori che non camminano di pari passo con i dati statistici sulla criminalità. L’attenzione giornalistica verso questi episodi di violenza è soggetta a fasi alterne sovraesponendo o sottoesponendo il fenomeno a seconda dei momenti. Passato l’insediamento di Obama, tregua a Gaza, cosa facciamo ora? Emergenza sicurezza. Torna sempre buona.

Il PD, quale autorevole portatore di interessi allargati in grado di tematizzare la vicenda all’interno dell’opinione pubblica, vive una fase di debolezza da cui non riesce a tirarsi fuori. Scimmiotta le accuse che lo stesso Alemanno aveva rivolto a Veltroni in camapagna elettorale. Un altro segnale che, all’interno del partito, manca una capacità propositiva e progettuale alternativa al centrodestra, mancano proposte in grado di intercettare, prima che il sentire irrazionale, il pensare della gente.

Siamo al solito teatrino, su cui a breve calerà il sipario. Basta solo che i giornalisti di Roma si distraggano un momento e la questione sicurezza passerà di nuovo in secondo piano. Basta solo che i politici nazionali e romani diano in pasto ai giornalisti qualche altro tema per distrarli, e la violenza sessuale a Roma diventerà un ricordo.

Più forze dell’ordine, esercito, telecamere. In una parola: repressione. Ecco le risposte alle richieste “di pancia” della gente, timorosa e insicura su tutto il territorio nazionale e ancora di più nelle grandi metropoli. Risposte episodiche e marginali, che non affrontano mai la questione da un punto di vista organico e strutturale.

Strutturalmente, invece, si provvede a rendere più blande le leggi e si indebolisce la magitratura per rendere ancora più certa l’incertezza della pena. Si provvede a scempiare le periferie con progetti che fanno crescere interi quartieri senza servizi e punti di aggregazione, creando proprio quelle sacche di anomia  in cui prolifera la violenza.  Si continua ad incitare all’odio razziale senza alcuna ricetta per favorire una piena integrazione degli stranieri, verso cui l’attenzione è tanta solo quando, nell’incertezza, c’è da stabilire la paternità di un delitto.

Annunci

0 Responses to “Si fa presto a dire “emergenza sicurezza””



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




gennaio: 2009
L M M G V S D
    Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Blog Stats

  • 9,726 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: