Treni, allarme educazione

“Si prega di abbassare la suoneria del cellulare per non recare disturbo agli altri viaggiatori”. L’invito al rispetto della regola è chiaro, ma avete mai viaggiato su uno dei tanti treni italiani? Succede di tutto: le suonerie invece di essere abbassate vengono ulteriormente rinvigorite, perchè i cari viaggiatori, insidiati dal dondolio del viaggio, possono rischiare di addormentarsi (udite, udite) senza prendere la telefonata. Che è quasi sempre questione di vita o di morte (il trillo è altissimo e squassa il vagone con una musica sparata a tutto volume):

  • chiamata del/la partner per sapere a che punto è il viaggio, cosa sta facendo, se ha mangiato, se si annoia, se lo pensa, se lo ama, se lo aspetta.  La chiamata è fatta di bisbigli e risposte monosillabiche sul nulla. Comunicazione fàtica, insomma, e si fa fatica a non sbottare.
  • chiamata del genitore per sapere a che punto è il viaggio, come era la merenda (il meridionale che si accerta della bontà della mozzarella, delle fave, del pane, della frittata di maccheroni, ecc.) e se ha caldo o freddo.
  • chiamata del capo/collega: è qui che la conversazione raggiunge vette estreme a livello di volume. Il contenuto verte quasi sempre su mansioni e lavori incomprensibili, la cui incomprensibilità e oscurità è ostentata come uno status symbol. Quasi sempre si parla dell’incompetenza di altri, delle proprie mirabili soluzioni e della considerazione del proprio ruolo nell’ambito della macchina aziendale.
  • chiamata dell’amico/a per sapere cosa si fa dopo, adesioni, defezioni con elencazione nomi compagnia e rispettivi impegni.
  • chiamata della coinquilina/o per sapere a che ora torna a rompere le balle.

Il capotreno ha inoltrato l’invito audio in partenza ma quando gira per controllare i biglietti non si preoccupa minimamente di far rispettare la regola. Purtroppo è questione di educazione e buon gusto, e in questo noi italiani abbiamo ancora molto da imparare. La cattiva educazione è tollerata, in fondo non fa gravi danni agli altri. Danni immateriali, quindi invisibili, perciò non condannabili.

Annunci

2 Responses to “Treni, allarme educazione”


  1. 1 loscopriremosoloscrivendo maggio 4, 2010 alle 12:41

    Sulla scarsissima educazione civica degli italiani (in treno/al cellulare etc etc), si potrebbero scrivere tomi su tomi. Quanto al capotreno, ha ben altre gatte da pelare, come quelle corrosivamente descritte da Sandro Cappelletto nel suo libretto “Altra Velocità”: bello, ma non mette addosso molta voglia di viaggiare con Trenitalia…

  2. 2 scaccoalpedone maggio 4, 2010 alle 13:53

    Scarsissima educazione, ma, cosa ancora più preoccupante, scarsissima consapevolezza rispetto all’inciviltà di questi comportamenti. Altro elemento che desta sorpresa è che il malcostume segnalato coinvolge il professionista e l’operaio, l’imprenditore e l’insegnante, la classe alta e quella povera. Tutti accomunati da questa manìa del cellulare con la suoneria a manetta e la conversazione sbandierata ai sette seggiolini! Faccio tesoro del tuo consiglio, deve essere molto interessante questo libretto. Grazie.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




maggio: 2010
L M M G V S D
« Apr   Set »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Blog Stats

  • 9,682 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: