Archive for the 'ciclosofia' Category

Manuale del ciclista a Milano

In estate, il pedone si trasforma in ciclista. Si passa dall’altra parte della barricata. Avendo conosciuto diritti e idiosincrasie del pedone, il cittadino che mette le ruote alle gambe dovrebbe sapere come comportarsi per non incorrere nelle ire dei suoi vecchi compagni di marciapiede (mi raccomando, non fraintendete). Siccome è risaputo che girare in bici a Milano è molto pericoloso, allora meglio ripassare un po’ di regole non scritte (che qui scriviamo) frutto di meditazioni sulle due ruote e di sperimentazioni dirette in punta di sellino.

Se sei a Milano, devi per forza fare attenzione ai binari del tram, che possono risucchiare la tua ruota e farti conoscere l’abrasiva consistenza di asfalto o ciottoli. Quando cambi direzione e sei costretto a mettere la ruota sull’infido metallo, accertati prima che da dietro non sopraggiunga alcun veicolo, poi taglia quanto più perpendicolarmente possibile il solco del binario. Una mossa decisa ti permette di schivare il pericolo. Dovrei essere il meno indicato a dare questo consiglio visto che sono caduto due volte per colpa dei binari, per fortuna senza conseguenze. Ma forse proprio l’aver provato l’ebbrezza della perdita di equilibrio seguita dall’assaggio del suolo mi autorizza a parlarne con cognizione di causa (ed effetto).

Quando non ci sono le piste ciclabili (e a Milano ce ne sono davvero poche) ci dobbiamo arrangiare. I più cauti e avveduti prenderanno il marciapiede, quelli più avventurosi o avventati (fate un po’ voi) la strada.

Ai primi diciamo che la scelta del marciapiede impone un’andatura a passo d’uomo, prevenendo sempre i movimenti improvvisi o la comparsa non preannunciata del pedone. Il pedone è il sovrano del marciapiede, quindi gli si deve rispetto. Il ciclista sul marciapiede è un intruso, che il più delle volte va troppo veloce e pensa di correre più che in strada, dove invece l’automobilista gli addossa la colpa di andature da bradipo. Quindi, il ciclista o porta in mano la bici oppure si adegua. Quando c’è un pedone gli dà la precedenza. Quando non c’è, fa come se ci fosse, e quindi limita, e di molto, l’andatura.

Ai secondi, quelli che scelgono di andare in strada, ci sentiamo di fare alcune racconandazioni. Se vai in strada, vuol dire che hai fegato, che quindi conosci bene quali siano i pericoli dell’asfalto, sai quanto possono essere bastardi gli automobilisti e hai ben considerato i pericoli insiti in binari del tram e buche stradali. Se sei a conoscenza di tutto questo, ti devi regolare di conseguenza. In strada non puoi procedere lento davanti al traffico veicolare, devi cercare di stare quanto più possibile sulla destra della carreggiata e devi evitare bruschi cambi di traiettoria. Per il tuo bene innanzitutto,  se non vuoi correre il rischio di farti asfaltare dall’automobilista frustrato.

Ora, ok, ti ho detto di tenere la destra, ma l’operazione, di per sè giusta, nasconde dei rischi. Se tieni la destra come si deve e costeggi le auto parcheggiate, uno dei pericoli principali, fra i più devastanti, è l’apertura improvvisa della portiera da parte dell’automobilista. Bisogna fare attenzione all’automobilista che sta sul punto di scendere, perchè lui non si preoccuperà minimamente di pensare al ciclista, o a chicchessia, che può sopraggiungere e incocciare la portiera con drammatiche conseguenze.

Sulle strisce sei un pedone, quindi aspetti che scatti il verde.

In strada sei come un ciclomotore, quindi non passi al rosso e non vai contromano nelle strade a senso unico.

Il tuo comportamento scorretto è rischioso per te e inoltre contribuisce a creare il clima da “dagli al ciclista” tanto caro ad automobilisti e pedoni, per una volta alleati contro il terzo incomodo.

Queste sono alcune delle cose da considerare quando si inforca una bici e ci si spinge sulla strada milanese.  Le altre le suggerisce il buon senso.

Ciclista “bastonato”

Il pedone, nella giungla metropolitana, si scontra spesso con le intemperanze dei ciclisti, costretti, loro malgrado, ad inventarsi percorsi alternativi (leggi marciapiedi) per sopravvivere. Quindi, al pedone puro, non sta simpatico il ciclista. Io non sono un pedone puro, ma pure ciclista , e quello che è avvenuto a questo povero amante delle due ruote a Milano ha dell’incredibile. Gli arroganti automobilisti spadroneggiano con comportamenti assurdi e il ciclista viene bastonato con una multa pesantissima.

Così impari ad andare in bici e a non prendere la macchina!

Pedalate, gente, pedalate

La bicicletta è un vero toccasana. Votarsi alla ciclosofia porta grandi benefici nella vita delle persone.


agosto: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Blog Stats

  • 9,691 hits