Posts Tagged 'i profani della pedata'

Moratti, il “piangina” e la doppia morale

Sono dovute passare 53 partite prima che l’arbitro fischiasse un rigore (sacrosanto) contro l’Inter, eppure i nerazzurri, in un campionto e mezzo, hanno continuato a piangere per presunti errori arbitrali commessi contro di loro. 

Sì, perchè all’Inter piangere fa parte di una precisa strategia. Piangevano quando le buscavano di santa ragione da Juventus e Milan, invocando Calciopoli e le sue rivoluzionarie conseguenze, piangono oggi, reduci da 3 scudetti consecutivi (e qui il nerazzurro onesto e vincente si affretterebbe a rimarcare che gli scudetti sono 4) conquistati prima grazie  allo sciacallaggio perpetrato nei riguardi della squadra più forte poi contando sul fisiologico ridimensionamento degli avversari, dovuto in larga parte proprio all’egemonia conquistata, non certo sul campo, dall’Inter.

Piangono oggi e sono bravissimi a farlo. Mourinho squalificato. A Moratti sembra strano, nonostante lo special one abbia ripetutamente inveito nei riguardi dell’arbitro. Non contento il Presidente ha protestato perchè avrebbe voluto la sospensione della partita visti i ripetuti insulti razzisti indirizzati a Balotelli dai tifosi cagliaritani . Dopo Torino (quando furono i tifosi juventini a insultarlo) Cagliari, e stessa dichiarazione di Moratti.

Ma cosa successe qualche anno fa quando ad essere insultato fu Zoro dai tifosi dell’Inter? Moratti minimizzò sottolineando che l’atteggiamento del giocatore (che uscì dal campo per protesta) era stato esagerato e che quelli piovutigli addosso erano semplici sfottò, non di matrice razzista.

Si chiama “doppia morale”, ed è l’arte maggiormente praticata dai moralisti, quelli che criticano gli altri per le stesse colpe per le quali si assolvono.

E la doppia morale è una strategia praticata da tutto il team nerazzurro, che, divenuto forte sul campo e più forte ancora nel Palazzo, definisce “in buonafede” gli errori degli arbitri, anche quelli più clamorosi, tipo un fuorigioco di due metri a Siena, un rigore al 90esimo inventato con il Parma, e tanta altra roba “minimizzata” e stipata nel regno della dimenticanza.

Sono bravissimi a sottolineare il minimo sbaglio arbitrale (o disturbo ambientale, fate voi) che gli procuri danno o che solo non sia di loro gradimento, minimizzando puntualmente gli episodi che li vedono protagonisti negativi.

Dappertutto sfottono (incivilmente e stupidamente, sia chiaro) i giocatori di colore e valgono solo gli insulti rivolti ai giocatori interisti. Solo in quel caso si invoca la sospensione della partita. E’ lo stesso Moratti che faceva accordi con Milan e Juventus quanso si trattava di spartirsi la torta televisiva, salvo sbarellare poi per le ripetute sconfitte dovute, a suo dire, solo al potere imperituro del management bianco-rossonero.

La doppia morale non finisce qui. Ormai sono diventati addirittura cavillosi nel perpetrarla, rinfrancati dallo slancio che Mourinho (il grande comunicatore, a detta della stampa italiana – quindi la definizione non ha alcun fondamento) ha saputo dare al loro vittimismo storico. Passare per vittima quando si è carnefici, questo è il massimo. Insomma, veniamo al dunque: il nostro ct, Lippi, si permette di dire che la Juve è favorita nel campionato e subito scoppia il caso. Mourinho  non ci sta e attacca Lippi, reo di aver indirizzato il campionato, solo per aver visto nella Juventus una squadra adatta a vincerlo. Negli anni precedenti il pronostico del tecnico viareggino era stato per i nerazzurri e nessuno si scandalizzò, tantomeno Mourinho. La Doppia morale continua.

Annunci

Pazzo blog, come tirare come Maradona?

E’ una parola! L’internauta che è arrivato sul mio blog inserendo la frase come tirare come Maradona, mi fa una certa tenerezza, perchè vorrebbe conoscere il segreto del Pibe de oro manco fosse una formula matematica che applicata sortisse gli effetti sperati.

Secondo me, nemmeno se lo chiede a Maradona gli arriverà una risposta. Istinto, talento, inventiva, intelligenza cinestetica, sono tutte parole che cercano di descrivere quello che invece rimarrà sempre un mistero. Maradona tirava così (il pallone, non fate sempre i malpensanti) perchè tirava così, il fenomeno si dà al tempo e allo spazio e non sempre riusciamo a trovare una spiegazione. Quello che c’entra poco è sicuramente l’allenamento, perchè Maradona, da piccolo, era capace di palleggiare con un’arancia salendo le scale del palazzo dove abitava.

C’è poco da fare: o nasci Maradona o non lo diventi.

Pazzo blog, Il calcio nella letteratura latina?

Oggi qualcuno è arrivato sul mio blog inserendo nel motore di ricerca la frase: “il calcio nella lettaratura latina” .  E’ vero che in passato ho scritto di una dotta citazione di Pasolini relativa al calcio, ma da qui a pensare che duemila anni fa già si parlasse della nobile arte della pedata ce ne passa.

Traduzione di latino in vista della maturità? Mi sembra alquanto improbabile che si parli di calcio, anche perchè se non sbaglio le prime attestazioni storiche sono quelle relative al calcio medievale in voga a Firenze. Sembra che, se fossero vissuti a quei tempi, Rino Gattuso, detto “Ringhio”, e Pasquale Bruno, detto “l’animale”,  sarebbero stati considerati dei gentlemen effeminati, poco votati all’agonismo e al confronto fisico con l’avversario.

Amarcord, la prima tela di Pinturicchio

La volta che rimontammo i viola, molti avevano già spento la radio. Sì, la radio, perché allora non c’era ancora la pay tv e il calcio lo potevi solo immaginare, al massimo ascoltare. Fino alle 18, quando andavi a verificare se il film che ti eri fatto in testa, sceneggiato da Ciotti e Ameri, corrispondeva ai filmati delle partite. Sì, perché allora non si chiamavano ancora high-lights . E molti, in quel giorno di novembre del 1994, quel film non avrebbero voluto vederlo. Perdevamo due a zero in casa, al trentesimo del secondo tempo. Molte delle speranze di scudetto, atteso dal 1986, se ne stavano andando.

Vialli è in ripresa in questo campionato, ma non vuole saperne di tornare ai suoi fasti. Trapattoni, spostandolo a centrocampo, gli ha annacquato l’istinto omicida. Gli ha instillato il tarlo di non essere il goleador di sempre, quello che ha scardinato le difese di tutta Italia e mezza Europa. Doveva giocare di mestiere in una diversa zona del campo, secondo Giuan. Più che di mestiere, giocava di mestizia. Lippi non ci pensa nemmeno. Per lui, Luca Vialli sarà sempre un killer, e un killer, spesso, ha solo bisogno di complici. Gli metti a fianco una Penna Bianca dal fisico possente e un giovane pittore dal pennello svelto, e il gioco è fatto.

Per i viola, due occasioni, due gol. Al tifoso, quando si avvicina il trentesimo della ripresa, viene il magone, sa che quei minuti finali sono un’altra cosa. Non si gioca più con la tattica, ma solo con il cuore, da mandare oltre l’ostacolo. E loro si chiudono e perdono tempo. E noi attacchiamo a testa bassa. Ma in Vialli sta per scattare la molla, l’istinto si ribella alle inibizioni della mente. La testa, di colpo, funziona al meglio. Colpo di testa ed è gol. Poi il suo senso del gol si libera al tiro, ed è pareggio.

E’ già una gran rimonta, ma se vuoi passare alla storia non puoi accontentarti e devi spingerti avanti. Se nel tuo dna di squadra-che-deve-aprire-un-ciclo ci sono 12 anni di vittorie e tu non lo sai, devi sempre assecondare l’ansia di attaccare a spron battuto. E che c’entri il destino in tutto questo lo capisci quando uno dei due tocchi che porta all’impresa è frutto un po’ del caso, un po’, come si diceva, del cuore oltre l’ostacolo. Un difensore, infatti, dalla sinistra di centrocampo indirizza un pallone verso la macchia bianconera che si muove in mezzo a due chiazze viola. Del Piero si invola verso l’area. Corre e con gli occhi invisibili, che gli sono spuntati dietro la schiena, “sente” il pallone che sta arrivando. Se vuole anticipare il tocco deve correre avanti, deve credere nel suo compagno di sempre, che non schizzerà sul terreno senza aver prima assaggiato il suo piede. Del Piero corre come correrebbe un ricevitore lanciato dal quarter back nel football americano, lo sport che gli piace tanto. Correre e guardare il pallone. Sembra impossibile. Ma se nel tuo dna di giocatore predestinato ci sta che devi diventare la Bandiera della Leggenda, allora devi sempre credere che l’impossibile possa accadere. Ale ha un appuntamento col destino quel giorno, e non vuole arrivare in ritardo. I difensori corrono al suo fianco, ma non possono“sentire” il pallone che arriva. Corrono senza guardare, per dovere, per distrarlo, con la loro macchia viola, come farebbe un torero con la muleta. Il prodigio si dà al mondo allo scadere. Del Piero non può usare le mani per addomesticare il pallone, allunga il piede destro, che si fa uncino, si fa mano, si fa pennello, forse mestolo, per raccogliere al volo quella parabola stiracchiata e, con l’esterno destro, ridargli slancio, vita e curva. Non si capisce bene, forse c’entra un po’ pure lo stinco, fatto sta che il miracolo avviene: la palla finisce in rete, con il portiere “scherzato” da una traiettoria beffarda. Una parabola. Un miracolo. Pinturicchio finisce la sua prima tela e steso nell’erba, sommerso dagli abbracci dei compagni.

Le undici carezze di Maradona

Il gol più bello della storia: Inghilterra-Argentina (Mondiali Mexico 86)

Le prime tre carezze

Una palla inutile a centrocampo, come ne passano a centinaia in una partita.  Un piede sinistro, come ne nasce uno in un secolo intero. Se un pallone come tanti incontra un piede prodigioso, l’alchimia  è certa. Maradona riceve una palla inutile e dentro vede quello che altri non possono vedere. La stoppa e la accarezza in mezzo ad un nugolo di avversari, i lenti figli di Albione, spunta fuori con una veronica veloce e si crea lo spazio per affondare. Potenza, intuito, classe e tecnica sopraffina si fondono in tre tocchi. I primi tre tocchi. Come fosse scattato da un congegno a molla, lascia sul posto i primi tre avversari e si invola con un’andatura sostenuta, in pieno controllo del pallone, della corsa e del movimento degli avversari. Li beffa, li scherza e li lascia lì, non ha troppo tempo da perdere da quelle parti dove il gioco quasi sempre langue, muore e spegne la partita. Lì si accende la miccia del genio per lanciarlo in una corsa rapida e armonica.

altre quattro carezze

Con il quarto tocco si dirige verso un colosso biondo che gli si fa incontro e si aspetta la percussione sulla fascia, si posiziona aspettando la virata da quella parte. La palla nonostante rotoli veloce, qui si affianca al piede di Diego, ha paura dell’inglese e trova riparo sulla morbida gomma dello scarpino, che con tre carezze la rassicura, la tranquillizza e la prepara a quello che la aspetta: accelerazione, sotto la spinta di una carezza più forte – che non è mai schiaffo – per darle i giri che si merita, i giri che gli servono per vedere che succede dopo. Altro cambio di velocità. E’ la finta che lo frega, Maradona lo scarta e si accentra, non c’è tempo da perdere sulla fascia. Ha annusato il sangue della preda e la deve azzannare senza troppi giri di pallone.

 

ancora due

Ecco un altro spilungone che si avvicina senza sapere che pesci pigliare, stavolta si aspetta che El Pibe si accentri, avrebbe tutto lo specchio della porta davanti e quindi si aspetta il tocco beffardo verso sinistra (la sua destra). Il primo tocco farebbe presagire una cosa del genere ma davanti al genio non c’è pensiero lineare che tenga, bisogna agire per istinto e l’istinto dice a Maradona di tenere la destra, come su una scala mobile, perchè da lì può azionare meglio il suo piede magico. Dicevamo, primo tocco “civetta”: l’inglese va verso destra e “apre” la corsia di sinistra, il secondo tocco  lo mette fuoritempo e lo blocca sul posto come una statua di sale.

le ultime due carezze

E’ ora di tirare, ma dove vuoi andare ancora?

Prima di lasciare la palla Diego vuole ancora una volta rassicurarla, sfiorarla per un paio di volte e poi consegnarla alla linea nemica, per fare oltraggio del territorio inglese. La porta violata, lo spazio trafitto, i confini della fantasia oltrepassati. Gli si fa incontro il portiere, ultimo baluardo, aggredendo lo spazio vitale di Maradona, che con l’ultimo tocco si è ridotto al minimo. E dai, tira di interno ed è fatta! Ma no, fin qui ci poteva arrivare chiunque. E’ ora di fare la magia assoluta, unica, qualcosa che nella dimensione dello spazio-tempo non ha mai trovato manifestazione. Il portiere avanza e Diego tocca ancora la palla portandosela verso sinistra e tenendola in un fazzoletto. Ha percorso sessanta metri, il fiato è corto, l’adrenalina alle stelle, l’esaltazione pure. Basta un niente per rovinare il capolavoro. Il niente è il difensore che viene alle spalle e che tenta il tutto per tutto in scivolata. La penultima carezza dà i brividi al pallone, che sente una scossa lungo la pelle, e ad una nazione intera. L’ultima carezza è il tocco deciso e decisivo, la palla entra in rete e la gonfia di quel tanto che basta. Il miracolo è compiuto.

Lo zen e il tiro di Del Piero

 Uno spirito forte e’ come un fiume calmo in superficie ma con potenza tremenda nascosta nelle profondità”

 

Un tiro da circa 40 metri. Una traiettoria beffarda. La palla si insacca. Cosa c’è dietro al tiro di Alessandro Del Piero in Champion’s con lo Zenit? Qualcuno si è limitato a dire che è tutto dovuto ai nuovi palloni che permettono di realizzare simili sortilegi balistici. Basta colpire la palla nel punto giusto, vicino alla valvola, e questa prende traiettorie inconsuete, del tutto imprevedibili per i malcapitati ultimi difensori.

 

 

 

Ma, oltre al punto in cui colpire il pallone, dietro la potenza devastante scaturita dal piede di Pinturicchio, cosa si nasconde? Del Piero non prende una rincorsa lunga, è vicinissimo al pallone, a tre passi. Sembra frustare il pallone e il piede torna subito indietro. Non lo accompagna, lo picchia e lo lascia andare, quasi subito. La gamba si ritira immediatamente. Una frustata, come il colpo di spada di un samurai, secco e fendente. Il respiro fa il resto, rilasciato proprio nell’attimo in cui il cuoio della scarpa impatta il pallone, con le tre dita esterne, alla sudamericana. Le braccia, al momento del tiro, si allargano come a raccogliere altra potenza da applicare al pallone. Le dita della mano assumono posizioni strane, bisogna che anche il pollice collabori all’impresa. Basta un’inezia per spostare carichi in maniera disarmonica e fallire la bordata. Qualcuno la chiama intelligenza cinestesica, legata alla coordinazione, alla forza, alla capacità di compiere il movimento più adatto allo scopo.

 

Del Piero senza sforzo spara una bordata micidiale: non si sa a quale tecnica si sia affidato o se è stato solo il suo immenso talento a guidarlo. Innato o studiato, fatto sta che il colpo di Alex è fuori dal comune. Mi ha fatto venire in mente il protagonista del celebre libro “Lo zen e il tiro con l’arco”. Consapevolezza ed equilibrio guidano al bersaglio.

Fare un gol alla leggenda: Mascara come Maradona

Da Maradona a Mascara passando per 25 anni di magie balistiche. In effetti il “ma” è una delle esclamazioni più azzeccate di fronte a prodezze di tale grandezza. Ieri Mascara del Catania ha compiuto il prodigio, segnando da circa 45 metri un gol che passerà alla storia.

Il pibe de oro inaugurò questa strepitosa conclusione da grandissima distanza in una partita di campionato contro il Verona, altri lo seguirono, fino a ieri, quando Mascara ha illuminato la Favorita di Palermo sbancandola.


dicembre: 2018
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Blog Stats

  • 9.929 hits
Annunci