Posts Tagged 'juventus'

L’ode a Del Piero (prima parte)

Capitano, mio capitano! La tua storia somiglia molto a quella del professore de “L’attimo fuggente”. Come i suoi studenti, ognuno di noi, si alza in piedi e grida il tuo nome: “Capitano, mio Capitano!”. Costretto a lasciare per manifesta grandezza, per l’inferiorità di chi per ruolo è chiamato a decidere. Perché la tua immagine riesce a esondare dalla stessa maglia che ti ha reso grande. La tua storia è talmente ingombrante che nemmeno la juve che l’ha immaginata, prevista, allevata, abbracciata e magnificata riesce più a contenerla. Almeno non riescono a farlo gli uomini che in questo momento sono chiamati a rappresentarla. Fai ombra alla loro incerta capacità di sentirsi all’altezza della tradizione, della leggenda che la maglia bianconera rappresenta.

 

Ancora una volta hai accettato senza battere ciglio quanto il destino, nelle fattezze delle piccole meschinita’ umane, ti ha richiesto. Senza urlare, senza eccessi, avresti potuto aizzarci e cavalcare il malcontento per fini personali, ma anche stavolta hai deciso che coloro che sanno non dicono. Lasciando agli altri le parole inutili, da perfetto poeta zen hai imparato l’arte dell’accettazione. Hai accettato quello che sicuramente non dipende da te. Hai accettato la chiamata finale del pubblico, il giro del catino, con gli occhi lucidi come un lago a primavera. E’ il fiume di emozione che non staripa, le lacrime rimangono aggrappate agli argini, vanno a fare cascata dentro e ti rompono la voce dopo davanti ai microfoni. Raccogli chili di vessilli, quintali di sguardi attoniti, ettolitri di lacrime, migliaia di ricordi appesi ai battiti dei cuori che fremono durante un tributo che non si è mai visto e mai più si vedrà.

 

Sono gli stessi cuori che hai fatto trepidare per trecento orgasmi uno più bello dell’altro, per ogni pensiero quotidiano di saperti dalla nostra parte, con la nostra maglia. La prima tripletta al Parma del ragazzino che prometteva faville con i capelli ancora al taglio un po’ boccoloso degli anni ottanta. I primi colpi di genio quando eri garzone alla bottega di Raffaello Baggio. Bottega che ti è bastato un anno per rilevare e dargli un altro nome: la bottega del Pinturicchio.

 

Poi c’è un pallone che ricevi quasi sempre a sinistra, l’avversario ti si fa incontro coprendoti lo spazio mancino, tu allora rientri a destra e con l’interno del piede colpisci la palla a giro per disegnare una parabola, una virgola che sospende il tempo, lascia senza fiato gli stadi. Il giro che prende in giro il portiere e rende imprendibile la palla. La palla va sempre lì, nei pressi del sette, come telecomandata. E ne fai uno, due, tre e cosi via. Inventi uno stile tutto tuo che stupisce il mondo: il tiro alla del piero.

 

Poi un giorno in una partita decidi di inventare un’altra cosa che non si era mai vista. State rimontando la viola di due reti, siamo allo scadere, da centrocampo lanciano in area uno di quei palloni che se leggi l’etichetta che lo accompagna reca la scritta ‘alla disperata’. Ma tu, come Michelangelo in un masso informe, riesci a vederci dentro un’opera d’arte, basta che l’idea prenda forma. Il pallone scadente dello scadere sta arrivando e tu cominci a correre verso la porta con fede, mentre l’occhio della consapevolezza ti è spuntato dietro la testa. Il retrovisore si allinea con la traiettoria e tu corri verso il punto in cui ti sei dato appuntamento con la palla, sapendo che la palla, quella che da bambino hai cominciato ad accarezzare nel tuo salone di casa, non mancherà. Li ad accoglierla gli mandi il tuo destro, quello che la conosce meglio, quello che puo’ garantirle il trattamento migliore. Palla e piede si trovano appena dentro l’area, hai fatto tutti i movimenti giusti e con il destro r-accogli una palla impossibile, al volo: il piede si fa mestolo per frenare la corsa della sfera con un tocco lieve, nel punto dove il collo confina con lo stinco, per la parabola a scavalcare un portiere che non ci capisce molto. Ha appena assistito ad un miracolo. La palla si insacca nell’angolo alto dove nemmeno un Toldo può arrivare. Vai a sdraiarti sotterrato dall’abbraccio dei leoni che erano i giocatori di quella juve: Vialli prima di e su tutti. Sono a Sorrento alla radio, il resto è immaginazione, è il dicembre del ’94, scendiamo dalla macchina increduli. Una rimonta che promette uno scudetto atteso nove anni. Da quando Michel ci ha lasciati orfani della sua lucente e micidiale classe.Immagine Continua a leggere ‘L’ode a Del Piero (prima parte)’

La Juventus e lo sciacallaggio mediatico

L’ultima notizia venuta alla ribalta (quella sulla “non positività” di Cannavaro) dimostra, se ce ne fosse bisogno, che ormai le vicende che riguardano la Juve rientrano tra quelle a più alta “notiziabilità” per i giornalisti italiani. La si tira in ballo, sempre in chiave negativa, proprio come quando c’è un episodio di criminalità che coinvolge gli extracomunitari. La negatività è sovrarappresentata rispetto alla realtà, che ne esce così distorta.

Mi spiego: se c’è un episodio anche minimamente “strano” che avviene all’interno della società Juventina è molto probabile che esso finisca sui giornali, con un taglio sospettoso e critico, finalizzato a mettere ancora una volta in evidenza il “male assoluto” che si annida nella sede di Corso Galileo Ferraris.

Tutta la vicenda sta nei titoli degli articoli e non nella spiegazione che si trova al loro interno. Spiegazione invero macchinosa, che molti non leggeranno nemmeno. Quello che rimane in mente è che Cannavaro è risultato positivo all’antidoping. Vai tu a spiegare della puntura di vespa, della raccomdata non aperta, molti si faranno l’idea che sì è il solito modo per raggirare la legge dell’antidoping. Passerà questo, senza ombra di dubbio.

Quanti sapranno che il controllo antidoping “deve essere effettuato” sul giocatore proprio per verificare che la sostanza assunta sia quella indicata nella richiesta di esenzione? Non sarà la dabbenaggine della società juventina (ennesima riprova della mancata cura del particolare sia a livello societario che sportivo) a passare alla memoria ma la “positività” del calciatore.

Insomma ormai i giornali vedono nella Juve un criterio di notiziabilità paragonabile alla delinquenza straniera e alle flirtrombate berlusconiane.

La notizia è apparsa in esclusiva su Repubblica al terzo posto (badate bene, al terzo posto) nel suo sito ed è poi stata ripresa da tutti gli altri siti di informazione. Repubblica spesso assume le veci di “portatore di interessi allargati” pronto a denunciare le magagne della società italiana, tutte concentrate in determinati gangli del potere: Berlusconi a livello politico-mediatico e la Juve a livello sportivo-sociale. Un modo per accattivarsi la simpatia di chi crede che “a pensar male” di determinate entità esistenti nella società italiana si fa sempre bene. Ben diversa naturalmente la sostanza tra la Juventus e Silvio Berlusconi, anomalia riconosciuta a livello mondiale.

Una notizia che non ha notizia, che diventa uno dei temi cruciali sottoposti all’opinione pubblica italiana. L’antijuventinismo non è molto diverso dalla xenofobia, agisce allo stesso modo sui media.

Moratti, il “piangina” e la doppia morale

Sono dovute passare 53 partite prima che l’arbitro fischiasse un rigore (sacrosanto) contro l’Inter, eppure i nerazzurri, in un campionto e mezzo, hanno continuato a piangere per presunti errori arbitrali commessi contro di loro. 

Sì, perchè all’Inter piangere fa parte di una precisa strategia. Piangevano quando le buscavano di santa ragione da Juventus e Milan, invocando Calciopoli e le sue rivoluzionarie conseguenze, piangono oggi, reduci da 3 scudetti consecutivi (e qui il nerazzurro onesto e vincente si affretterebbe a rimarcare che gli scudetti sono 4) conquistati prima grazie  allo sciacallaggio perpetrato nei riguardi della squadra più forte poi contando sul fisiologico ridimensionamento degli avversari, dovuto in larga parte proprio all’egemonia conquistata, non certo sul campo, dall’Inter.

Piangono oggi e sono bravissimi a farlo. Mourinho squalificato. A Moratti sembra strano, nonostante lo special one abbia ripetutamente inveito nei riguardi dell’arbitro. Non contento il Presidente ha protestato perchè avrebbe voluto la sospensione della partita visti i ripetuti insulti razzisti indirizzati a Balotelli dai tifosi cagliaritani . Dopo Torino (quando furono i tifosi juventini a insultarlo) Cagliari, e stessa dichiarazione di Moratti.

Ma cosa successe qualche anno fa quando ad essere insultato fu Zoro dai tifosi dell’Inter? Moratti minimizzò sottolineando che l’atteggiamento del giocatore (che uscì dal campo per protesta) era stato esagerato e che quelli piovutigli addosso erano semplici sfottò, non di matrice razzista.

Si chiama “doppia morale”, ed è l’arte maggiormente praticata dai moralisti, quelli che criticano gli altri per le stesse colpe per le quali si assolvono.

E la doppia morale è una strategia praticata da tutto il team nerazzurro, che, divenuto forte sul campo e più forte ancora nel Palazzo, definisce “in buonafede” gli errori degli arbitri, anche quelli più clamorosi, tipo un fuorigioco di due metri a Siena, un rigore al 90esimo inventato con il Parma, e tanta altra roba “minimizzata” e stipata nel regno della dimenticanza.

Sono bravissimi a sottolineare il minimo sbaglio arbitrale (o disturbo ambientale, fate voi) che gli procuri danno o che solo non sia di loro gradimento, minimizzando puntualmente gli episodi che li vedono protagonisti negativi.

Dappertutto sfottono (incivilmente e stupidamente, sia chiaro) i giocatori di colore e valgono solo gli insulti rivolti ai giocatori interisti. Solo in quel caso si invoca la sospensione della partita. E’ lo stesso Moratti che faceva accordi con Milan e Juventus quanso si trattava di spartirsi la torta televisiva, salvo sbarellare poi per le ripetute sconfitte dovute, a suo dire, solo al potere imperituro del management bianco-rossonero.

La doppia morale non finisce qui. Ormai sono diventati addirittura cavillosi nel perpetrarla, rinfrancati dallo slancio che Mourinho (il grande comunicatore, a detta della stampa italiana – quindi la definizione non ha alcun fondamento) ha saputo dare al loro vittimismo storico. Passare per vittima quando si è carnefici, questo è il massimo. Insomma, veniamo al dunque: il nostro ct, Lippi, si permette di dire che la Juve è favorita nel campionato e subito scoppia il caso. Mourinho  non ci sta e attacca Lippi, reo di aver indirizzato il campionato, solo per aver visto nella Juventus una squadra adatta a vincerlo. Negli anni precedenti il pronostico del tecnico viareggino era stato per i nerazzurri e nessuno si scandalizzò, tantomeno Mourinho. La Doppia morale continua.

Amarcord, la prima tela di Pinturicchio

La volta che rimontammo i viola, molti avevano già spento la radio. Sì, la radio, perché allora non c’era ancora la pay tv e il calcio lo potevi solo immaginare, al massimo ascoltare. Fino alle 18, quando andavi a verificare se il film che ti eri fatto in testa, sceneggiato da Ciotti e Ameri, corrispondeva ai filmati delle partite. Sì, perché allora non si chiamavano ancora high-lights . E molti, in quel giorno di novembre del 1994, quel film non avrebbero voluto vederlo. Perdevamo due a zero in casa, al trentesimo del secondo tempo. Molte delle speranze di scudetto, atteso dal 1986, se ne stavano andando.

Vialli è in ripresa in questo campionato, ma non vuole saperne di tornare ai suoi fasti. Trapattoni, spostandolo a centrocampo, gli ha annacquato l’istinto omicida. Gli ha instillato il tarlo di non essere il goleador di sempre, quello che ha scardinato le difese di tutta Italia e mezza Europa. Doveva giocare di mestiere in una diversa zona del campo, secondo Giuan. Più che di mestiere, giocava di mestizia. Lippi non ci pensa nemmeno. Per lui, Luca Vialli sarà sempre un killer, e un killer, spesso, ha solo bisogno di complici. Gli metti a fianco una Penna Bianca dal fisico possente e un giovane pittore dal pennello svelto, e il gioco è fatto.

Per i viola, due occasioni, due gol. Al tifoso, quando si avvicina il trentesimo della ripresa, viene il magone, sa che quei minuti finali sono un’altra cosa. Non si gioca più con la tattica, ma solo con il cuore, da mandare oltre l’ostacolo. E loro si chiudono e perdono tempo. E noi attacchiamo a testa bassa. Ma in Vialli sta per scattare la molla, l’istinto si ribella alle inibizioni della mente. La testa, di colpo, funziona al meglio. Colpo di testa ed è gol. Poi il suo senso del gol si libera al tiro, ed è pareggio.

E’ già una gran rimonta, ma se vuoi passare alla storia non puoi accontentarti e devi spingerti avanti. Se nel tuo dna di squadra-che-deve-aprire-un-ciclo ci sono 12 anni di vittorie e tu non lo sai, devi sempre assecondare l’ansia di attaccare a spron battuto. E che c’entri il destino in tutto questo lo capisci quando uno dei due tocchi che porta all’impresa è frutto un po’ del caso, un po’, come si diceva, del cuore oltre l’ostacolo. Un difensore, infatti, dalla sinistra di centrocampo indirizza un pallone verso la macchia bianconera che si muove in mezzo a due chiazze viola. Del Piero si invola verso l’area. Corre e con gli occhi invisibili, che gli sono spuntati dietro la schiena, “sente” il pallone che sta arrivando. Se vuole anticipare il tocco deve correre avanti, deve credere nel suo compagno di sempre, che non schizzerà sul terreno senza aver prima assaggiato il suo piede. Del Piero corre come correrebbe un ricevitore lanciato dal quarter back nel football americano, lo sport che gli piace tanto. Correre e guardare il pallone. Sembra impossibile. Ma se nel tuo dna di giocatore predestinato ci sta che devi diventare la Bandiera della Leggenda, allora devi sempre credere che l’impossibile possa accadere. Ale ha un appuntamento col destino quel giorno, e non vuole arrivare in ritardo. I difensori corrono al suo fianco, ma non possono“sentire” il pallone che arriva. Corrono senza guardare, per dovere, per distrarlo, con la loro macchia viola, come farebbe un torero con la muleta. Il prodigio si dà al mondo allo scadere. Del Piero non può usare le mani per addomesticare il pallone, allunga il piede destro, che si fa uncino, si fa mano, si fa pennello, forse mestolo, per raccogliere al volo quella parabola stiracchiata e, con l’esterno destro, ridargli slancio, vita e curva. Non si capisce bene, forse c’entra un po’ pure lo stinco, fatto sta che il miracolo avviene: la palla finisce in rete, con il portiere “scherzato” da una traiettoria beffarda. Una parabola. Un miracolo. Pinturicchio finisce la sua prima tela e steso nell’erba, sommerso dagli abbracci dei compagni.

Lo zen e il tiro di Del Piero

 Uno spirito forte e’ come un fiume calmo in superficie ma con potenza tremenda nascosta nelle profondità”

 

Un tiro da circa 40 metri. Una traiettoria beffarda. La palla si insacca. Cosa c’è dietro al tiro di Alessandro Del Piero in Champion’s con lo Zenit? Qualcuno si è limitato a dire che è tutto dovuto ai nuovi palloni che permettono di realizzare simili sortilegi balistici. Basta colpire la palla nel punto giusto, vicino alla valvola, e questa prende traiettorie inconsuete, del tutto imprevedibili per i malcapitati ultimi difensori.

 

 

 

Ma, oltre al punto in cui colpire il pallone, dietro la potenza devastante scaturita dal piede di Pinturicchio, cosa si nasconde? Del Piero non prende una rincorsa lunga, è vicinissimo al pallone, a tre passi. Sembra frustare il pallone e il piede torna subito indietro. Non lo accompagna, lo picchia e lo lascia andare, quasi subito. La gamba si ritira immediatamente. Una frustata, come il colpo di spada di un samurai, secco e fendente. Il respiro fa il resto, rilasciato proprio nell’attimo in cui il cuoio della scarpa impatta il pallone, con le tre dita esterne, alla sudamericana. Le braccia, al momento del tiro, si allargano come a raccogliere altra potenza da applicare al pallone. Le dita della mano assumono posizioni strane, bisogna che anche il pollice collabori all’impresa. Basta un’inezia per spostare carichi in maniera disarmonica e fallire la bordata. Qualcuno la chiama intelligenza cinestesica, legata alla coordinazione, alla forza, alla capacità di compiere il movimento più adatto allo scopo.

 

Del Piero senza sforzo spara una bordata micidiale: non si sa a quale tecnica si sia affidato o se è stato solo il suo immenso talento a guidarlo. Innato o studiato, fatto sta che il colpo di Alex è fuori dal comune. Mi ha fatto venire in mente il protagonista del celebre libro “Lo zen e il tiro con l’arco”. Consapevolezza ed equilibrio guidano al bersaglio.

L’Inter favorita dagli arbitri

Gol di Ibrahimovic, viziato dalla posizione di Samuel in fuorigioco, l’Inter batte la Roma e va in semifinale di Coppa Italia. Gol di Maicon, in fuorigioco di un paio di metri, e l’Inter ha la meglio sul Siena allo scadere portando a casa tre punti importantissimi per la sua classifica. Era l’ultima giornata di campionato prima della sosta.

Sono solo due degli errori più gravi che in questa stagione hanno favorito la squadra degli onesti. La stessa che nell’estate del 2006 approfittò di Calciopoli prima per appropriarsi di uno scudetto a tavolino, poi per eliminare dal giro la concorrente più forte, la Juventus. Ora il ruolo della Juve, cioè quello di essere la principale destinataria dei favori della classe arbitrale, viene ricoperto alla grande dalla squadra di Moratti e Tronchetti Provera, che usufruisce di errori gravissimi senza che nessuno dica “a”. Ora si sbaglia in buonafede, non è più come una volta. Non c’è più il demoniaco Moggi.

Strano che l’Inter non incappi quasi mai in episodi sfavorevoli. Strano che, delle grandi, ad essere penalizzata maggiormente è proprio la Juventus. Strano che i giornali, prima pronti a scatenarsi ad ogni minimo errore pro-juve, siano così restii a sollevare polemiche. Gli stessi avversari mitigano le reazioni anche quando hanno ricevuto gli stessi torti che in passato li portavano a sputare veleno davanti ai microfoni del dopo-partita. E’ veramente cambiata la musica o questa disparità di trattamento è dovuta ad una diversa “gestione” dell’opinione pubblica da parte di chi detiene un potere mediatico e lobbistico di primo livello?

Moggi si arrangiava come poteva con centinaia di telefonate al giorno, l’impressione è che chi ne ha rilevato le prerogative non abbia nemmeno bisogno di rischiare di friggersi il cervello al cellulare. Le cose vanno come devono andare perchè l’ambiente è costruito ad arte per far andare le cose così. Cos’è l’ambiente? Forse il palazzo. Sì, è il palazzo incastonato nel quartiere dei potentati economici e politici italiani. L’inter viene favorita? E’ solo un caso…

Calciopoli: parte il processo di Napoli

E’ stato uno dei più accaniti detrattori del presunto “sistema Moggi”, è stato sempre uno di quelli che non le manda a dire, espressione di un giornalismo scomodo, spesso parziale, ma mai prono verso i poteri e i potenti.
Stasera dalla sua sedia di commento del TG 3 chiama in causa Giancarlo Abete. Il presidente della FIGC si è risentito con Bruno Vespa perchè ha concesso spazio nella sua  trasmissione a Luciano Moggi, peraltro in una serata in cui erano presenti, oltre allo stesso Oliviero Beha, anche altri personaggi non certo affini al Lucianone ormai in disgrazia. Beha ha sottolineato come Abete fosse pienamente integrato (vicepresidente di Carraro) nel sistema spazzato via da Calciopoli, che qualcuno (la Gazzetta dello Sport) si affrettò a definire Moggiopoli proprio per confinare lo scandalo entro i limiti dell’ambiente juventino e poco oltre, concentrando l’attenzione dell’opinione pubblica quasi esclusivamente sul potere del direttore generale bianconero. C’era altro ma venne fuori poco. I processi sportivi furono poco più che una farsa, svolti in fretta e furia senza alcuna possibilità per gli accusati di difendersi a dovere. Un primo segnale che qualcosa di diverso potrebbe esserci dietro Calciopoli l’ha data la recente sentenza del processo Gea che, pur evidenziando le colpe di Moggi con una condanna  seppur blanda, ha ampiamente mitigato la portata delle accuse nei suoi riguardi, smontando la teoria dell’associazione a delinquere, la stessa che ha tenuto in piedi Calciopoli durante i processi sportivi. Martedì a Napoli comincia il processo penale a Moggi e al suo potere e molti tremano, perchè la sensazione è che durante la concitata estate del 2006 troppe cose non furono analizzate: alcune furono tenute nascoste, altre ridimensionate, situazioni che riguardano anche dirigenti di squadre che finora si sono proposti come esempi di onestà e rettitudine. E’ un processo scomodo, quello di Napoli, perchè Moggi e la Juve, che hanno già pagato ampiamente a livello sportivo per colpe che non sono mai sfociate nell’illecito (questo stabilito già a livello di giustizia sportiva), hanno poco da perdere,  altre squadre, che durante Calciopoli sfruttarono la situazione per guadagnare posizioni, possono essere coinvolte pesantemente. Con quali ricadute sul sistema calcio? Non si sa e la reazione di Abete è proprio quella di chi teme che qualcosa di grave possa accadere. A Moggi non bisogna dare spazio, non ha diritto di difendersi. In questi anni l’ex direttore generale della Juventus ha subito tanto, a nessuno è mai sorto il dubbio che quello di cui veniva accusato potesse in qualche modo essere ridimensionato. Nemmeno i proprietari della Juventus ci sperano e lo desiderano, furono loro i primi a sentenziarne la colpevolezza evitando in tutti i modi di difenderlo per difendersi. E se il processo alla Gea, da sempre considerata lo strumento supremo della regia della cupola moggiana, ha confermato che, se colpe ci sono state, esse sono state assai più leggere rispetto a quanto finora ci hanno fatto credere, vuol dire che dal processo di Napoli potrebbero uscire parecchie sorprese.


agosto: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Blog Stats

  • 9,691 hits