Posts Tagged 'Partito democratico'

PD, pubblicità o politica democratica?

Ci siamo, ecco la nuova campagna del Partito Democratico. Massiccia campagna affissioni sui muri di Milano. Continua il tentativo di trovare una strada. Più a livello pubblicitario, che politico. Facciamo un riassunto delle ultime campagne del PD:  prima delle regionali, personaggi con il fumetto sul naso a dire cose sensate in modo poco sensato. Poi, più tardi, per digerire l’ennesima mazzata, “democratici per costituzione”, con la citazione dei principi istituzionali. Ora Bersani protagonista, a maniche rimboccate, ci fa sapere che sono aumentate tasse e disoccupazione, inoltre sono diminuiti i soldi per  l’istruzione. “E la pazienza è finita”. “Per giorni migliori rimbocchiamoci le maniche”.

Ok, cerchiamo di capire la strategia che sta dietro a questa campagna. L’Italia sta andando a rotoli. Premessa. Gli italiani non ne possono più. Conseguenza. Prepariamo un futuro migliore. Proposito. Insieme. Si presume. Come? La mia domanda.

Noi le maniche è un pezzo che ce le siamo rimboccate. Tutti i giorni lottiamo per giorni migliori. Ma il PD cosa vuole da noi? Ci dice che dobbiamo preparare giorni migliori per l’Italia. Che stanno preparando giorni migliori? Chi, loro, i democratici? La cronaca politica, invece, parla dei soliti scazzi intestini, con le solite correnti agitate. Non è che la metafora del rimboccarsi le maniche è riferita al fatto che stanno di nuovo per litigare?

Boh, dite quello che volete, a me questa campagna non convince. Propone contenuti triti e ritriti con modalità memmeno tanto originali. Non c’è spunto creativo, è tutto molto ingessato. Bersani non dà l’idea del segretario trascinatore. Non vende il sogno, vende il sacrificio. Che è operazione onesta, sincera e pulita. Ma non serve la pubblicità per dire queste cose. Le dice già in continuazione su giornali e televisioni, quando gli danno (poco) spazio. Non abbiamo spazio sui media, ce lo procuriamo comprandolo? Giusto. Ma se proprio bisogna farlo che sia uno spazio aggressivo, forte, che punti a smuovere un po’ le acque. “La sinistra ha messo l’Italia in ginocchio, Italia rialzati”, diceva una campagna del berlusca prima delle politiche del 2008. Cosa banale, falsa, propagandistica, ma che funziona con il target di riferimento da conquistare. Lo stesso target a cui Bersani deve rivolgersi ora: la popolazione fluttuante, che cambia opinione nel giro di un telegiornale. Bersani dice le stesse cose, ma senza nerbo.

Se compri spazi pubblicitari lancia una campagna forte, incisiva che si faccia riconoscere e faccia parlare di sè. Una campagna senza strategia, per eccesso di strategia. Ci volevano dire che loro sono per il sacrificio, che non bisogna fare false promesse e che, insieme, si può ripartire. “Per giorni migliori”. Spostando anche molto più in là l’obiettivo positivo, visto che l’espressione “arriveranno giorni migliori” si riferisce quasi sempre ad un futuro abbastanza lontano. Un annuncio che vende “sofferenza” in una situazione di sofferenza, teoricamente provocata da altri.

L’unica nota strategica di rilievo è l’invito a partecipare, a lavorare insieme per quel futuro, assumendosi ognuno le proprie responsabilità e incombenze. Ma c’era bisogno di spendere tanti soldi per dire questo? Ieri, in un’intervista alle Iene, Nichi Vendola è stato preciso e tagliente come una lametta. Ha sezionato precisamente e recisamente lo spazio politico che si vuole conquistare. Chirurgicamente ha utilizzato il bisturi per ritagliarsi pezzi di significato politico, per associarsi a tematiche forti prendendo una posizione forte. Il posizionamento, ecco. Il posizionamento. Quello che manca nella campagna del PD, che va ad occupare lo spazio della mente che nessuno vuole occupare, perchè è triste e senza senso. Vendola si è posizionato e quando comunica, anche con spazi a pagamento, lo fa alla grande. Il PD rimane confuso. Vuole solo autoconvincersi di esistere. Vuole ricordarlo a se stesso e al pubblico: “guardate che ci siamo, facciamo un sacco di cose senza senso, ma ci siamo”.

Altro caposaldo strategico: non demonizzare Berlusconi. Veltroni inaugurò questa strategia, con conseguenze e risultati che non sto qui a rievocare, per compassione. In un’arena politica dove il primo che si mette contro il premier viene sistematicamente linciato dai giornali di famiglia, il centrosinistra, ormai da tempo, ha imboccato la strada del fair play, perchè, teoricamente, gli argomenti non dovrebbero mancare. Parlare di politica senza demonizzare Berlusconi. In positivo. Sì, come? Diciamo agli italiani che si devono rimboccare le maniche insieme a noi. Per un futuro, lontanissimo, migliore. Siamo strateghi e ci facciamo consigliare da strateghi, non c’è che dire.

Annunci

Milano, la paura fa “90 – Circolare destra”

Chi è di Milano sa cosa sognifica prendere la 90 di notte. Si tratta di una linea che attraversa in circolo la città, la cosiddetta circonvallazione.

E’ una sorta di terra di nessuno, dove è possibile un po’ di tutto. Pazzi di tutti i tipi e di tutte le razze vi salgono, spesso ubriachi, spesso in uno stato alterato da altre sostanze. Un pericolo costante che si avverte palpabile nell’aria.

Come stanotte. Due ragazzi di colore completamente ubriachi, inveivano contro i passeggeri senza alcun motivo. Hanno spaccato una bottiglia di birra, scagliandola a terra e spaventando i passeggeri del sabato sera, di ritorno dalla loro serata di divertimento.

Raccontatele queste cose, è impossibile lavorare e non possiamo fare niente”, queste le parole esasperate del povero autista, che è riuscito a farli scendere e a proseguire la sua corsa. Il problema sicurezza esiste, ed esiste anche per colpa degli extracomunitari.  Siamo per il partito democratico, ma bisogna aprire gli occhi. Se non si capisce che oltre a puntare sull’integrazione bisogna anche pensare alla sicurezza dei cittadini, richiedendo misure opportune per reprimere fenomeni devianti più che evidenti, non si capisce l’Italia dove sta andando e non si riuscirà mai a guidarla a dovere.

Haiku 1 per il Partito Democratico

Osservo l’Italia di oggi
non mi ci ritrovo
bisogna cambiare

Si fa presto a dire “emergenza sicurezza”

A Roma si susseguono le violenze sessuali contro le donne e si torna a parlare di “emergenza sicurezza”. Il PD accusa Alemanno di aver reso più insicura la città, dopo aver subito lo stesso trattamento nella primavera scorsa quando il centrodestra, con un battage mediatico senza precedenti, imputò a Veltroni tutte le colpe di una situazione definita “drammatica” sul fronte della sicurezza. Strategia qualunquista perciò vincente.

Qualunquismo politico era quello di centrodestra, qualunquismo politico è quello del partito democratico. La percezione di insicurezza degli italiani, come rivela un’indagine di Repubbblica dell’anno scorso, è legata a timori che non camminano di pari passo con i dati statistici sulla criminalità. L’attenzione giornalistica verso questi episodi di violenza è soggetta a fasi alterne sovraesponendo o sottoesponendo il fenomeno a seconda dei momenti. Passato l’insediamento di Obama, tregua a Gaza, cosa facciamo ora? Emergenza sicurezza. Torna sempre buona.

Il PD, quale autorevole portatore di interessi allargati in grado di tematizzare la vicenda all’interno dell’opinione pubblica, vive una fase di debolezza da cui non riesce a tirarsi fuori. Scimmiotta le accuse che lo stesso Alemanno aveva rivolto a Veltroni in camapagna elettorale. Un altro segnale che, all’interno del partito, manca una capacità propositiva e progettuale alternativa al centrodestra, mancano proposte in grado di intercettare, prima che il sentire irrazionale, il pensare della gente.

Siamo al solito teatrino, su cui a breve calerà il sipario. Basta solo che i giornalisti di Roma si distraggano un momento e la questione sicurezza passerà di nuovo in secondo piano. Basta solo che i politici nazionali e romani diano in pasto ai giornalisti qualche altro tema per distrarli, e la violenza sessuale a Roma diventerà un ricordo.

Più forze dell’ordine, esercito, telecamere. In una parola: repressione. Ecco le risposte alle richieste “di pancia” della gente, timorosa e insicura su tutto il territorio nazionale e ancora di più nelle grandi metropoli. Risposte episodiche e marginali, che non affrontano mai la questione da un punto di vista organico e strutturale.

Strutturalmente, invece, si provvede a rendere più blande le leggi e si indebolisce la magitratura per rendere ancora più certa l’incertezza della pena. Si provvede a scempiare le periferie con progetti che fanno crescere interi quartieri senza servizi e punti di aggregazione, creando proprio quelle sacche di anomia  in cui prolifera la violenza.  Si continua ad incitare all’odio razziale senza alcuna ricetta per favorire una piena integrazione degli stranieri, verso cui l’attenzione è tanta solo quando, nell’incertezza, c’è da stabilire la paternità di un delitto.


settembre: 2018
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Blog Stats

  • 9.867 hits
Annunci